ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Pubblicazioni->Dettaglio POSTA


Scheda pubblicazione
Titolo:
Le malattie batteriche e i fruttiferi: quali emergenze nel Lazio?
Autori:
Loreti, S.; Pucci, N.
Anno:
2014
Lingue:
ITA, ita
Rivista:
'STATO DELL’ARTE DELLA RICERCA SULLE COLTURE ARBOREE NEL LAZIO’
Tipo di pubblicazione:
Cartaceo
Luogo:
Editore:
Universitalia
Riassunto in Italiano:
In questi ultimi anni le malattie batteriche hanno determinato, su territorio nazionale e regionale, danni ingenti a carico di importanti colture fruttifere. Il termine ‘emergente’ riferito alle malattie determinate da agenti fitopatogeni è divenuto quanto mai attuale. Talora si è assistito alla recrudescenza di malattie precedentemente segnalate sul nostro territorio che si sono manifestate attraverso scoppi epidemici gravi ed improvvisi. Il caso più eclatante è quello del cancro batterico dell’actinidia da Pseudomonas syringae pv. actinidiae, che negli ultimi cinque-sei anni ha colpito gravemente l’actinidio-coltura nazionale e internazionale. Un'altro caso di danni ingenti a carico di colture arboree è stato quello di Erwinia amylovora per le pomacee, che se non ha rappresentato un problema per il Lazio lo è stato per zone più vocate alla coltura del pero come l' Emilia Romagna. Tutta laziale è stata invece l'esperienza 'moria' del nocciolo, che fra la fine degli anni '80 ed inizio anni '90 ha compromesso la corilicultura nella zona altamente vocata del Viterbese.
Riassunto in Inglese:

AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP