ITALIANO HIGH ACCESSIBILITY
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Search in the site...  

European Charter for Researchers      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

CIVIC ACCESS PRESS REVIEW URP JOB OPPORTUNITIES CONTRACTS TRANSPARENT ADMINISTRATION

freccina You are here: Home->Publications->Datasheet


Publication datasheet
Title:
Alcuni aspetti fitosanitari nella “foresta” della città di Roma
Authors:
Scirè, M.; D’Amico, L.; Motta, E.; Annesi, T.
Year:
2009
Languages:
ITA
Journal:
Atti del III Congresso nazionale di Selvicoltura. Taormina (ME), 16-19 ottobre 2008
Kind of publication:
Elettronico
Location:
Editor:
Abstract in Italian:
All’interno della città di Roma, tre Ville storiche (Villa Ada, Villa Pamphili e Villa Borghese) costituiscono un pregevole patrimonio, che si estende per una superficie complessiva di circa 434 ettari. Il Comune di Roma ha promosso uno studio per individuare l’eziologia delle alterazioni e delle morie che venivano frequentemente osservate a carico di soggetti di Pinus pinea, con lo scopo di indirizzare le delicate scelte gestionali. Inizialmente è stata condotta un’indagine per valutare se avversità di natura abiotica fossero implicate nei fenomeni di deperimento. In seguito sono stati effettuati sopralluoghi in stagioni differenti e sono stati raccolti campioni di terreno, di legno da radici e fusto di piante sintomatiche, e basidiomi. Gli isolati, ottenuti in coltura pura, sono stati identificati sulla base delle caratteristiche morfologiche. Lo studio ha permesso di individuare alcuni agenti di carie e/o di marciume radicale noti per la loro capacità di alterare la stabilità delle piante attaccate: Heterobasidion annosum, Phaeolus schweinitzii, Armillaria mellea, Ganoderma spp. I risultati sinora ottenuti hanno evidenziato che i fenomeni di deperimento e di moria riscontrati sono indotti da più fattori, di natura biotica e abiotica, e sono probabilmente questi ultimi, e in particolare gli squilibri idrici, che aprono la strada ai funghi individuati. L’azione di questi patogeni incide notevolmente sulla sicurezza, per l’incolumità dei fruitori, e porta ad un’alterazione della qualità ambientale delle Ville, a seguito della perdita di particolari microhabitat e dell’espansione di specie esotiche e infestanti quali robinia ed ailanto. Infine, con il modificarsi dell’originario assetto forestale, si assiste ad una alterazione significativa del paesaggio storico.
Abstract in English:
SOME PHYTOPATHOLOGICAL ASPECTS IN THE “URBAN FOREST” IN ROME In the city of Rome (Italy), three historical Villas (Villa Ada, Villa Pamphili and Villa Borghese), which include 434 hectares, are a valuable heritage. Due the frequent presence of altered and dead Pinus pinea trees, the Municipality of Rome promoted a study to define the aetiology and to steer the management choices. Surveys were carried out in different seasons in order to investigate on abiotic and biotic possible causes: soil, wood from roots and stem of symptomatic plants, and basidiocarps were sampled. Isolates, obtained in pure culture, were identified on the base of morphological characters. The study allowed to identify some pathogens such as Heterobasidion annosum, Phaeolus schweinitzii, Armillaria mellea, Ganoderma spp., well-known for causing decay and/or root rot. Results showed that some abiotic factors, mainly water stress, favour these pathogens, which reduce the steadiness of infected plants. Moreover, their activities alter the environmental quality in the Villas, as some particular microhabitats can be lost and some exotic and invasive species, such as locust and tree of heaven, can spread in the gaps. Eventually, all these factors induce a meaningful alteration of the historical landscape.

AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP