ITALIANO HIGH ACCESSIBILITY
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Search in the site...  

European Charter for Researchers      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

CIVIC ACCESS PRESS REVIEW URP JOB OPPORTUNITIES CONTRACTS TRANSPARENT ADMINISTRATION

freccina You are here: Home->Publications->Datasheet


Publication datasheet
Title:
Utilizzo innovativo del Resistograph® per l’individuazione di diversi tipi di carie sull’abete bianco dell’Alto Molise.
Authors:
Lasserre, B.; Motta, E.; D’Amico, L.; Scirè, M.
Year:
2009
Languages:
ITA
Journal:
Poster presentato al VII Congresso Nazionale SISEF “Sviluppo e adattamento, naturalità e conservazione: opportunità per un sistema forestale in transizione”. Pesche (IS), 29 settembre-2 ottobre 2009.
Kind of publication:
Cartaceo
Location:
Editor:
Abstract in Italian:
L’obiettivo del presente studio è stato quello di valutare la possibilità di utilizzare il Resistograph® (IML-RESI E400), per distinguere i diversi tipi di carie del legno su pianta viva di abete bianco (Abies alba Mill.). Il Resistograph® è un apparecchio che permette una stima della variazione di densità del legno attraverso la misurazione della resistenza alla micro-perforazione e consente di evidenziare precocemente la presenza di alterazioni interne del legno anche se non si manifestano con sintomi esterni evidenti. In corrispondenza delle zone di alterazione evidenziata dal Resistograph® si è proceduto ad effettuare dei prelievi di tessuto con la trivella di Pressler ed all’isolamento degli agenti di carie su substrati selettivi. Lo studio ha interessato due abetine naturali situate in Alto Molise: il nucleo di Collemeluccio, nella Provincia di Isernia nei pressi di Pescolanciano ed il bosco di Abeti Soprani sito al limite nord della Provincia d’Isernia tra Pescopennataro e Capracotta. Una prima fase dell’indagine ha interessato l’individuazione dei principali patogeni e dei degradatori fungini dell’abete bianco e ha permesso di evidenziare la presenza di diversi agenti sia di carie bianca tra cui annoveriamo Phellinus hartigii, Ganoderma adspersum, Heterobasidion abietinum ed Armillaria sp.; sia di carie bruna: Fomitopsis pinicola. L’individuazione dei diversi tipi di carie in abete bianco consente di riconoscere precocemente il tipo di alterazione in pianta viva ed apparentemente sana, fornendo, inoltre, utili indicazioni sullo stato fitosanitario delle abetine e getta le basi per una futura ricerca sulla possibilità di utilizzare il Resistograph® nell’individuazione e nel riconoscimento del genere fungino coinvolto nell’alterazione del legno su pianta viva.
Abstract in English:

AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP