ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Elenco dei progetti->Dettaglio progetto POSTA
CENTRI DI RICERCA
FONDAZIONE MORANDO BOLOGNINI
PERSONE
PROGETTI
PUBBLICAZIONI
BIBLIOTECA ED EDITORIA
AREA DIVULGAZIONE
CREA JOURNALS
BANDI NAZIONALI E INTERNAZIONALI
RELAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
ondadb_host: 10.151.6.31
SelPiBioLife
Coordinatore di progetto: PAOLO CANTIANI

Selvicoltura innovativa per accrescere la biodiversità dei suoli in popolamenti artificiali di pino nero

Project title: Selvicoltura innovativa per accrescere la biodiversità dei suoli in popolamenti artificiali di pino nero Project objectives: Obiettivo del progetto è dimostrare come una modalità di trattamento selvicolturale innovativa in pinete di Pinus nigra incrementi il grado di biodiversità a livello dell’ambiente suolo (funghi, batteri, flora, mesofauna, nematodi), in accordo con quanto riportato nella strategia EU sulla biodiversità per il 2020 (2011/2307(INI)) e secondo i settori di azione prioritari (SAP) individuati dalla strategia Nazionale per la Biodiversità (SNB) nell’ambito delle priorità nazionali italiane per il 2013. In particolare viene valutato l’effetto di un diradamento di tipo selettivo rispetto alla modalità tradizionale (diradamento dal basso) e all’assenza di trattamento su popolamenti di pineta in fase giovanile sulla biodiversità del suolo. Nonostante sia stata dimostrata la sua efficacia sugli effetti incrementali e di stabilità dei popolamenti artificiali di pino nero, questa modalità d’intervento non viene comunemente adottata nelle pinete appenniniche. Si dimostra che questa tecnica gestionale, modificando la diversità strutturale orizzontale e verticale del popolamento forestale ovvero la modalità di copertura delle chiome, determina un diverso regime di luce, acqua e temperatura a livello del suolo favorendo l’accrescimento della biodiversità e la funzionalità complessiva dell’ecosistema (con conseguente incremento del valore economico, turistico e di protezione idrogeologica). Ciò sarà misurato tramite indicatori di biodiversità e di qualità del suolo. Il progetto prevede attività disseminative mirate alla divulgazione dei risultati attraverso seminari, lezioni, workshops e visite nel bosco. Inoltre si vuole anche dimostrare come il trattamento selvicolturale innovativo proposto, pur necessitando dell’effettiva fase di determinazione in bosco delle piante da tagliare (la “martellata”), sia di facile applicazione e replicabilità. Expected results (outputs and quantified achievements): Il progetto avrà come risultato la dimostrazione di quanto una forma di trattamento selvicolturale innovativa e facilmente replicabile in popolamenti artificiali di pino nero produca un incremento di biodiversità a livello delle componenti biotiche del suolo rispetto a quanto accade in seguito al trattamento selvicolturale classicamente adottato. Per ciascun elemento biotico del suolo considerato saranno prodotti gli specifici indicatori quantitativi di biodiversità. Nello specifico verranno prodotti i seguenti risultati: - Analisi della relazione struttura del bosco/biodiversità micologica (relazioni tra indici strutturali del bosco post intervento e indici di biodiversità micologica); - Analisi della relazione struttura del bosco/biodiversità floristica (relazioni tra indici strutturali del bosco post intervento e indici di biodiversità floristica); - Analisi della relazione struttura del bosco/biodiversità della mesofauna; - Analisi della relazione struttura del bosco/biodiversità delle componenti microbiologhe del suolo; - Correlazioni multiple tra le componenti di biodiversità del suolo considerate; - Produzioni di funghi commestibili in relazione al trattamento selvicolturale applicato; - Relazione tra trattamento selvicolturale e la produzione legnosa (indici di incremento di valore economico del bosco in funzione dei trattamenti applicati); - Relazione tra trattamento selvicolturale e stabilità del bosco (analisi degli indici di stabilità meccanica del bosco in funzione dei trattamenti applicati). Il progetto si propone infine di produrre delle linee guida sulla modalità tecnica del trattamento selvicolturale proposto.
Elenco strutture
EEPP - Commissione Europea - Directorate General Environment - Directorate E - Global & Regional Challenges LIFE - ENV. E.4 ENVIRONMENT - Directorate General Environment - Directorate E - Global & Regional Challenges LIFE - ENV. E.4 ENVIRONMENT
CRA - Centro di ricerca per la selvicoltura (SEL)
CRA - Centro di ricerca per l'agrobiologia e la pedologia (ABP)
UNI - Università degli Studi di SIENA - Dipartimento di Scienze della Vita - Dipartimento di Scienze della Vita
EEPP - Unione dei Comuni della Val d'Orcia
EEPP - Unione dei Comuni del Pratomagno
Privati - COMPAGNIA DELLE FORESTE S.R.L.

AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP