ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Elenco dei progetti->Dettaglio progetto POSTA
CENTRI DI RICERCA
FONDAZIONE MORANDO BOLOGNINI
PERSONE
PROGETTI
PUBBLICAZIONI
BIBLIOTECA ED EDITORIA
AREA DIVULGAZIONE
CREA JOURNALS
BANDI NAZIONALI E INTERNAZIONALI
RELAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
ondadb_host: 10.151.6.31
FATA
Coordinatore di progetto: STEFANIA LORETI

Trattamenti Fitoterapici innovAtivi a base di veTtori di chitosAno

La proposta progettuale mira alla realizzazione e sperimentazione di soluzioni innovative per contrastare l’infezione batterica di Xylella fastidiosa (Xf) si articolerà attraverso lo sviluppo delle seguenti attività 1: SVILUPPO E SCREENING DI VETTORI - Messa a punto del protocollo di sintesi di particelle polimeriche e nanocapsule a base di chitosano - Individuazione della strategia di caricamento del Fosetyl-Al 2: STUDIO DELLE INTERAZIONI E DEI MECCANISMI D’AZIONE INNESCATI - Studio del rilascio del Fosetyl-Al dal vettore - Studio delle interazioni in vitro mediante analisi ultrastrutturale TEM e STEM EDX; - Studio dei meccanismi d’azione innescati a seguito dell’interazione. 3: STUDI IN VIVO - Scelta della migliore formulazione e della modalità di somministrazione: inoculazione mediante nebulizzazione della chioma e/o del tronco; inoculazione alle radici; - Studio delle interazioni in vivo attraverso l’effettuazione di rilievi in piante trattate e non allo scopo di confrontarne l’espressione sintomatologica; - Definizione delle modalità di campionamento e individuazione della presenza e quantificazione del patogeno in esperimenti di real-time PCR. Il primo risultato atteso è la realizzazione di un pool di vettori a base di chitosano con una forte attività antibatterica influenzata e migliorata dal pH acido che si ritrova nello xilema delle piante di olivo. Inoltre, dal momento che il chitosano è stato dimostrato avere attività elicitoria in varie specie vegetali, il vettore potrebbe aumentare le difese della pianta attraverso l’innesco di una resistenza sistemica acquisita (SAR). L'utilizzo di chitosano nella protezione delle colture merita particolare attenzione grazie al loro basso impatto ambientale, ai bassi costi, e alla loro capacità di migliorare alcune caratteristiche qualitative, vale a dire il contenuto di metaboliti bioattivi e di frutto. Accanto a tutti i vantaggi legati a questo polimero bisogna aggiungere sia quelli derivanti da un sistema di delivery a rilascio controllato sia quelli derivanti dall’incapsulamento di una molecola con le potenzialità del Fosetyl-Al. Questa molecola è stata recentemente testata per il controllo di un’altra malattia da quarantena, il binomio actinidia /Pseudomonas syringae pv. actinidiae, determinando risultati promettenti sia nelle prove di inoculazione in vitro che in prove di campo. Inoltre ha mostrato efficacia su altri binomi (Erwinia amylovora/pomacee, Plasmopara viticola/vite, Stemphylium vesicarium e Venturia inequalis e pyrina/pero). Sfruttando queste potenzialità e congiuntamente alla possibilità di veicolarla in maniera mirata attraverso le nanoparticelle l’obiettivo è di implementare la capacità del Fosetyl-Al a contenere Xf nei siti di moltiplicazione dell’ospite in modo tale da agire direttamente sul patogeno in planta.
Elenco strutture
Regione Puglia - Area di Coordinamento Politiche per lo sviluppo rurale - Area di Coordinamento Politiche per lo sviluppo rurale
UNI - Università degli studi di Lecce
CRA - Centro di ricerca per la patologia vegetale (PAV)

AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP