ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Elenco dei progetti->Dettaglio progetto POSTA
CENTRI DI RICERCA
FONDAZIONE MORANDO BOLOGNINI
PERSONE
PROGETTI
PUBBLICAZIONI
BIBLIOTECA ED EDITORIA
AREA DIVULGAZIONE
CREA JOURNALS
BANDI NAZIONALI E INTERNAZIONALI
RELAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
ondadb_host: 10.151.6.31
Amiapin2
Coordinatore di progetto: PAOLO CANTIANI

Il trattamento selvicolturale dei rimboschimenti di pino nero nel territorio dell’Unione dei Comuni Amiata Val d'Orcia

Gran parte delle pinete di pino nero, costituite a scopo protettivo, del comprensorio amiatino hanno superato il turno di legge per la loro utilizzazione. Obiettivo della ricerca è la valutazione del trattamento selvicolturale ottimale per la rinnovazione/successione delle pinete in una visione multifunzionale del bosco. Saranno studiate comparativamente tecniche di intervento colturale alternative: tagli successivi, interventi localizzati, diradamenti di grado forte per la valutazione della loro efficacia per la fase di rinaturalizzazione delle pinete. METODI Sono state individuate due aree omogenee per caratteristiche stazionali (esposizione-pendenza) su ciascuna delle quali è stato impostato un blocco sperimentale ove sono state ripetute le seguenti tesi di trattamento (vedi progetto concluso AMIAPIN): 1) diradamento dal basso di moderata intensità (secondo i limiti imposti dalla normativa regionale in materia) 2) taglio di preparazione. E’ la prima fase del processo di rinnovazione per tagli successivi. Si tratta di un diradamento dall’alto su 100 piante candidate ad ettaro associato a un diradamento dal basso nella restante parte del soprassuolo 3) taglio di sementazione diretto: rilascio dei 100 soggetti di miglior portamento e a maggior grado di stabilità per ettaro. Il protocollo è stato impostato nel periodo gennaio-febbraio 2011 FASI DEL PROGETTO Effettuare il rilievo e l’analisi di dettaglio dendrometrico-strutturale post intervento: • rilievo dell’altezza dendrometrica di ciascun albero • rilievo dei parametri strutturali di ciascun albero (profondità verticale – proiezione orizzontale delle chiome) • posizionamento topografico (georeferenziazione) di ciascun soggetto tramite tecnologia laser (Field Map) • analisi degli indici di struttura spaziale orizzontale e verticale dei popolamenti • rilievo dei parametri di luce (trasmittanza e LAI) per ciascuna tesi sperimentale Monitoraggio della dinamica della struttura dei popolamenti post intervento: • impostazione del protocollo di rilievo della rinnovazione post intervento (18 sub plot di rilievo per ciascuna parcella posizionati sistematicamente sul terreno). a cadenza annuale • rilievo a cadenza annuale della rinnovazione per ciascun sub plot • analisi della dinamica della rinnovazione/successione a cadenza biennale rilievo dendrometrico completo per l’analisi della dinamica demografica e della risposta agli interventi in termini di crescita di biomassa.
Elenco strutture
CRA - Centro di ricerca per la selvicoltura (SEL)
EEPP - Unione dei Comuni della Val d'Orcia

AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP