ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Elenco dei progetti->Dettaglio progetto POSTA
CENTRI DI RICERCA
FONDAZIONE MORANDO BOLOGNINI
PERSONE
PROGETTI
PUBBLICAZIONI
BIBLIOTECA ED EDITORIA
AREA DIVULGAZIONE
CREA JOURNALS
BANDI NAZIONALI E INTERNAZIONALI
RELAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
ondadb_host: 10.151.6.31
BIOFOSF
Coordinatore di progetto: ALESSANDRA TRINCHERA

Strumenti per la risoluzione dell’emergenza “fosfiti” nei prodotti ortofrutticoli biologici

Il frequente rilevamento di fosfiti nei prodotti ortofruttcoli biologici italiani (uva da tavola, pomodori, patate, ecc.) sta comportando un notevole danno all’immagine del settore, e le associazioni di categoria intendono dare una risposta chiara ed esauriente non solo agli organismi di controllo, ma soprattutto ai consumatori, che potrebbero reagire in maniera negativa all’ipotesi di utilizzo fraudolento di formulati per la difesa non ammessi nel biologico. Poichè alcuni lavori scientifici riportano come alcune forme ridotte di fosforo presenti in natura possano convertirsi spontaneamente in acido fosforoso, è possibile ipotizzare che l’utilizzo di taluni fertilizzanti organici derivanti da materie prime di origine animale potrebbe comportare la presenza di fosfiti tramite processi riduttivi a carico del fosfato. Non va poi sottovalutata l’ipotesi che l’acido fosforoso rilevato in alcuni prodotti bio possa derivare dall’impiego fraudolento per via fogliare o radicale di fosetyl-Al o di fosfito di potassio. Al fine di giungere alla predisposizione di un documento che chiarisca e supporti la posizione italiana nel merito, verranno realizzate prove di campo all'interno del CREA su differenti colture (vite, patata, rucola, ecc), sulle quali verranno apportati o meno fosfiti e/o fosetyl-Al, verificandone gli effetti sui residuali (MLR). Al progetto parteciperanno anche gli stakeholders del bio, ed alcune aziende biologiche effettueranno prove di verifica della presenza di ac. fosforoso resuduale, senza alcun apporto. Al termine delle prove agronomiche e dei risultati analitici, si definirà una position-paper da parte italiana circostanziata e supportata da dati agronomici validati, anche a supporto della eventuale modifica dell'RT16.
Elenco strutture
Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali - Dipartimento delle poltiche competitive, della qualità agroalimentare, ippiche e della pesca - Direzione generale per la promozione della qualita' agroalimentare e dell'ippica - PQAI - Dipartimento delle poltiche competitive, della qualità agroalimentare, ippiche e della pesca - Direzione generale per la promozione della qualità agroalimentare e dell'ippica - PQAI I
CRA - Centro di ricerca per lo studio delle relazioni tra pianta e suolo (RPS)
CRA - Centro di ricerca per le colture industriali (CIN)
CRA - Centro di ricerca per l'agrumicoltura e le colture mediterranee (ACM)

AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP