ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI ELENCO FORNITORI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Manualistica e materiale divulgativo->Dettaglio risorsa POSTA
MANUALISTICA E MATERIALE DIVULGATIVO
SCHEDE TECNICHE
SERVIZIO AGRO-METEOROLOGICO
RISULTATI E INNOVAZIONI
onda
Scheda di dettaglio:

CREA-PCM - Progetto GENZOOT. Valorizzazione del patrimonio zootecnico italiano attraverso strumenti avanzati di genomica, trascrittomica e proteomica applicati alla selezione per la qualità dei prodotti ed il benessere animale - Autori vari - 2016

Valorizzazione del patrimonio zootecnico italiano attraverso strumenti avanzati di genomica, trascrittomica e proteomica applicati alla selezione per la qualità dei prodotti ed il benessere animale

DM 132/7303/2006 del 08/06/2006

DM 12369/7303/2008 del 7/10/2008

Il progetto, della durata complessiva di 9 anni, è stato caratterizzato dall’impiego di nuove metodiche di indagine finalizzate alla valorizzazione del patrimonio zootecnico nazionale. Le analisi genomiche (sequenziamento e ricerca di mutazioni) sono state effettuate non solo per i geni ipotizzati responsabili della manifestazione dei caratteri considerati, ma soprattutto per i geni evidenziati nelle analisi di trascrittomica (RNA array) e proteomica (proteine espresse), le quali, identificando i geni e le proteine differenzialmente espressi in soggetti di fenotipo opposto, ne studiano i diversi pathway per arrivare a definire quali sono i geni che probabilmente codificano e/o regolano la manifestazione del carattere. L’evoluzione straordinaria delle tecniche di biologia molecolare, ha consentito di utilizzare nuove tecniche (deep RNA-seq e genotipizzazione con Illumina 50K Bead Chip) il cui impiego che inizialmente non era prevedibile, è stato poi possibile per centrarne in maniera più proficua gli obiettivi durante lo svolgimento del progetto.

I diversi approcci analitici si sono integrate tra loro ed hanno perfezionato le conoscenze attraverso le nuove acquisizioni ottenute da ciascuna componente.

Ai caratteri tradizionali che generalmente vengono presi in considerazione nel miglioramento genetico degli animali in produzione zootecnica (produzioni e qualità) si è deciso di affiancare nuovi caratteri che oggi possono essere definiti “emergenti”: fertilità, suscettibilità alle malattie, sensibilità allo stress, che essendo a bassa ereditabilità trarrebbero maggior profitto dall’utilizzo di tecniche molecolari.

Prendendo atto delle trasformazioni nello scenario delle produzioni animali e della ricerca del settore, considerato che il benessere animale - suscettibilità alle malattie e sensibilità agli stress produttivi - era uno degli obiettivi primari del GENZOOT, si è dato via via sempre maggior peso alla resistenza naturale alle malattie, anche ai fini della qualità delle produzioni.

Hanno partecipato al progetto le seguenti unità di ricerca:

-        CREA - Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria (ex CRA, ex Istituto Sperimentale per la Zootecnia)

-        DIBAF, Università degli Studi della Tuscia, Viterbo

-        DEB, Università degli Studi della Tuscia, Viterbo

-        Università degli Studi del Molise, Campobasso

-        IERAAN - Istituto Europeo per le Ricerche Ambientali e Antropologiche Nazionali, Roma

Relazioni dei gruppi di ricerca:

1. Bovini da latte: attività svolta da CREA-FLC. Relazioni tra parametri ematologici, immunologici ed etologici della bovina e varianti genotipiche di ormoni e fattori di crescita

2. Bovini da latte: attività svolta da CREA-FLC. Genetica e comportamento nei bovini da latte Misurazione della variabilità della frequenza cardiaca

3. Genomica della qualità del latte: attività svolta da CREA-PCM. Analisi degli effetti dei polimorfismi in geni candidati sulla qualità del grasso del latte in bovini, ovini, caprini.

4. Studio del geni Leptina (LP) e Recettore Leptina (LEPR): attività svolta da CREA-PCM. Caratterizzazione dei geni Leptina (LP) e Recettore Leptina (LEPR). Studi di associazione: SNPs LEP e LEPR nel bovino e nel bufalo. Evidenze sperimentali sul coinvolgimento di LP e LEPR nel sistema immunitario. Approccio citofluorimetrico per lo studio del recettore di membrana LEPR.

5. La pubertà nella bufala e i polimorfismi del gene della leptina: attività svolta da CREAPCM.

6. Trascrittomica: attività svolta dall’ Università della Tuscia-DIBAF. Trascrittomica con microarray Trascrittomica bovini tramite sequenziamento completo dello RNA.

7. Genomica e trascrittomica caprini: attività svolta da CREA-PCM. Analisi genomiche oligosaccaridi Analisi trascrittomica oligosaccaridi.

8. Trascrittomica bufali: attività svolta da CREA-PCM. Analisi qPCR dell’espressione del gene NRAMP1.

9. Genomica ovini: attività svolta da CREA-PCM. Analisi del gene Gelsolina.

10. Trascrittomica ovini: attività svolta da CREA-PCM.

11. Fenomica caprini e ovini: attività svolta da CREA-ZOE.

12. Proteomica: attività svolta dall’ Università della Tuscia-DEB. Analisi omica del muscolo di Maremmana Analisi delle parti tenere e dure del muscolo di Chianina Confronto fra muscolo di Chianina e Maremmana Analisi omica del muscolo di Piemontese.

13. Proteomica: attività svolta da CREA-PCM. Variazione del pattern proteico della ghiandola mammaria durante la lattazione.

14. Citofluorimetria: attività svolta da CREA-PCM.

15. Genomica ovini: attività svolta dall’Università del Molise.

16. Analisi economica: relazione svolta dall’Istituto Europeo per le indagini ambientali e antropologiche nazionali (I.E.R.A.A.N.). Strategie e strumenti per la valorizzazione del patrimonio bovino.


AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP