ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Manualistica e materiale divulgativo->Dettaglio risorsa POSTA
MANUALISTICA E MATERIALE DIVULGATIVO
SCHEDE TECNICHE
SERVIZIO AGRO-METEOROLOGICO
RISULTATI E INNOVAZIONI
onda
Scheda di dettaglio:

CRA-ING - La meccanizzazione delle imprese forestali della Regione Lazio - G. Sperandio, S. Verani, G. Pignatti – Copyright Mipaaf - 2009

La meccanizzazione forestale è un tema ancora centrale nella filiera foresta-legno-ambiente la quale, nei suoi segmenti, nella regione Lazio, coinvolge circa 9.000 imprese, per un totale di oltre 12.000 unità di lavoro. Il presente lavoro, che nasce dall’attività di ricerca finanziata negli anni 2002-2003 nell’ambito del Programma Regionale Ambientale, Agroalimentare e Agroindustriale della Regione Lazio (PRAL), rappresenta un’indagine analitica dello stato della meccanizzazione delle imprese forestali della regione. Considerate le scarse conoscenze sull’argomento, in particolare per la realtà dell’Italia Centrale, viene stampata nella forma originale, come realizzata alla fine del progetto.

L’argomento trattato risulta infatti ancora di estrema attualità alla luce dei nuovi indirizzi previsti nel Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013, fra i quali si evidenziano le misure volte all’accrescimento del valore aggiunto dei prodotti forestali, tramite l’acquisto di nuove macchine ed attrezzature per le utilizzazioni forestali.

In quest’ottica, lo studio evidenzia i punti critici del settore, sia da un punto di vista degli anelli che costituiscono la filiera, che sotto il profilo del territorio, analizzato per ambiti di una relativa omogeneità, rispetto al fenomeno osservato.

Accanto alle filiere tradizionali del castagno (legname da lavoro e paleria) e delle specie quercine (legna da ardere) nella regione si assiste ad un nascente mercato delle biomasse ottenute da formazioni forestali, che in futuro potrebbero alimentare centrali di trasformazione energetica in corso di realizzazione.

Lo studio offre in questo caso la possibilità di riflettere sui futuri investimenti nel settore della meccanizzazione, alla luce di una possibile riconversione delle attuali imprese boschive verso il nuovo tipo di prodotti, in riferimento alle produzioni di piccole e medie dimensioni.

Con questo auspicio, ovvero che il lavoro possa costituire una sorta di “premessa” per gli investimenti in questo settore in via di affermazione, si è ritenuto utile proporne la diffusione a stampa fra le iniziative portate avanti dal progetto CO.F.E.A.


AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP