ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI ELENCO FORNITORI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Manualistica e materiale divulgativo->Dettaglio risorsa POSTA
MANUALISTICA E MATERIALE DIVULGATIVO
SCHEDE TECNICHE
SERVIZIO AGRO-METEOROLOGICO
RISULTATI E INNOVAZIONI
onda
Scheda di dettaglio:

Conservazione biodiversità, gestione banche dati e miglioramento genetico – BIODATI (Volume 2) - a cura di Fidalma D’Andrea - Copyright CRA – 2013

Il Progetto “Conservazione biodiversità, gestione banche dati e miglioramento genetico – BIODATI” finanziato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, con DM 15421/7301/11 del 14707/2011, rappresenta la prosecuzione di tutte le attività in materia di conservazione e di salvaguardia della biodiversità delle specie di interesse agricolo portate avanti dai diversi Centri e Unità del CRA.

Il progetto è in linea con il Piano nazionale sulla biodiversità di interesse agricolo predisposto dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e con le iniziative più recenti portate avanti a livello comunitario.

La biodiversità agricola è messa in serio pericolo dall’intensificazione e dalla specializzazione dei sistemi produttivi, che favoriscono principalmente le colture in grado di fornire un elevato livello di produttività e redditività, mettendo a rischio di estinzione le restanti colture, ma anche dall’abbandono di interi territori agricoli di montagna non più in grado di fornire livelli di reddito sufficienti ad insediamenti umani, anche minimi.

La scomparsa di un tale patrimonio se da un lato può comportare la diminuzione, da parte del sistema agroalimentare, di opportunità economiche per le generazioni future, dall’altra può avere delle conseguenze molto più gravi per ciò che concerne la perdita di interi patrimoni genetici.

Il recupero di questo patrimonio e delle identità che esso rappresenta insieme ad una attività di valorizzazione rappresenta la strada vincente per molte aree oggi abbandonate.

Il progetto è articolato in una serie di iniziative finalizzate all’applicazione delle opportune strategie per la conservazione delle risorse genetiche autoctone, al recupero di specie e varietà a rischio di erosione genetica e alla reintroduzione delle stesse nei loro ambienti naturali.

Le attività del progetto BIODATI hanno previsto la raccolta e la caratterizzazione delle risorse genetiche e la conservazione sia "in situ", sia "ex situ" di moltissime collezioni e di banche di germoplasma. Sono state anche implementate le banche dati esistenti ed i sistemi d'informazione e l’attività divulgativa presso il pubblico e gli operatori del settore agroforestale al fine di contrastarne la perdita e contribuire alla sua salvaguardia.

Le conoscenze derivanti dai risultati del progetto costituiscono, inoltre, un fondamentale contributo per l’applicazione di tutti i metodi di agricoltura sostenibile basati sul mantenimento delle capacità omeostatiche degli agroecosistemi, sulla ottimizzazione delle scelte e dell'organizzazione dei sistemi colturali e, soprattutto, sulla realizzazione di interventi e pratiche agronomiche che contribuiscono a preservare gli ecosistemi e a migliorare le produzioni agroalimentari.


AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP