ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Centri e unità di ricerca->Dettaglio Istituto POSTA

Centro di ricerca per l'agrobiologia e la pedologia (ABP)
Direttore - MARCELLO DONATELLI

Sede centrale - FIRENZE
Pagina web: http://abp.entecra.it
Centro di ricerca per l'agrobiologia e la pedologia (ABP)
Via Lanciola 12/A
50125 - FIRENZE
Tel: +39-055-249121 - Fax: +39-055-241485
E-mail:
PEC:

Sedi distaccate
CASCINE DEL RICCIO (FI)


Come raggiungerci
Personale
co.co.co/Collaborazioni
Pubblicazioni
Schede tecniche
Progetti di ricerca
Storia

L’Istituto è stato fondato nel 1952 dal Prof. Gino Passerini, scienziato di fama internazionale, il cui nome è legato alla risoluzione di problemi della Scienza Idraulica e della Difesa del Suolo.
Secondo i compiti istituzionali l’Istituto provvede allo studio del suolo dal punto di vista fisico, chimico e biologico, onde trarne elementi tecnici ed economici atti a promuovere la conservazione del suolo e del relativo ecosistema, per la protezione dell'ambiente e l'incremento della produzione agricola nazionale.
Il SUOLO viene considerato come primo e fondamentale sostegno sia per la vita degli uomini e degli animali che per il miglioramento della qualità dei prodotti agroalimentari.

Missione

Il CRA-ABP si occupa di valorizzazione e difesa del suolo, dei sistemi agro-forestali e delle derrate alimentari dai danni di insetti, acari, nematodi. Prevalentemente l'attività riguarda la caratterizzazione dei processi pedologici, cartografia, degradazione dei suoli, desertificazione, emissione di gas serra, ecologia microbica, diagnosi e difesa da fitofagi e fitoparassiti, biodiversità e qualità ambientale.

Attività

Linee di ricerca

  • Sostenibilità ambientale delle attività antropiche
    • Aspetti fisici (qualità fisiche del suolo, erosione, compattamento, produzione di sedimenti, frane, ecc.)
    • Aspetti chimici e mineralogici (sostanza organica, fertilità e prevenzione dell’inquinamento)
    • Aspetti biologici (biodiversità del suolo, studio della composizione e funzionalità delle comunità microbiche, quantificazioni emissioni gas serra, sequestro del carbonio, ecc.)
  • Valutazione del territorio ai fini delle potenzialità agricole e dei rischi di degradazione del suolo
    • Cartografie tematiche e banche dati georeferenziate
    • Zonazioni colturali
    • Determinazione della sensibilità e vulnerabilità dei suoli
    • Rapporti suolo-qualità dei prodotti (vino, olio, ecc.)
    • Valutazione dei valori “culturali” e paesaggistici – L’agricoltura che produce paesaggio
  • Protezione dei suoli forestali
    • Idrologia, capacità di accettazione delle piogge
    • Stoccaggio del carbonio
Altre attività

  • Il Centro è ben radicato sul territorio nazionale e capace di intercettare significativamente le nuove esigenze di enti locali e privati nel settore agroforestale,  dal rapporto suolo qualità dei prodotti, all’interrimento dei serbatoi naturali e artificiali, allo stoccaggio del carbonio, ecc., tanto per citare alcuni dei temi trattati negli ultimi anni in numerose convenzioni con Enti pubblici, locali e privati.
  • Messa a punto di metodi e tecnologie innovative
  • Metodi molecolari applicati allo studio della biodiversità del suolo
  • Analisi d'immagine
  • Geostatistica e sistemi informativi territoriali
  • Tecniche geofisiche-geoelettriche
immagine news
freccina CREA-DC: Indizione RdO su MePA per affidamento servizio smaltimento beni obsoleti e materiali inventariati in dotazione sede DC Firenze, ai sensi art. 36 c.2 lett.a) D.lgs 50/0216 e s.m.i.- CIG:ZE52CA0D91
freccina CREA-DC: Autorizzazione procedura negoziata telematica, ai sensi art. 36 c.2 lett.a) D.Lgs 5072016 e s.m.i. per affidamento fornitura 3 confezioni da 1200 mascherine protettive FFP2NR sedi DC- Nomina RUP e autorizzazione svolgimento Trattiva Diretta _CI
freccina CREA-DC: Avviso di appalto aggiudicato, art. 98 D.lgs 50/2016 e s.m.i., fornitura azoto liquido 2 ricariche in contenitori dewar con trasporto e posizionamento- CIG: ZF12C87ECF
freccina CREA-DC: Avviso di appalto aggiudicato, art. 98 D.lgs 50/2016 e s.m.i. per intervento stasatura colonna scarico wc e vuotatura fossa biologica- CIG: Z8E2C815B0
freccina CREA-DC: Avviso di appalto aggiudicato, art. 98 D.lgs n. 50/2016 e s.m.i., per fornitura 5kg semi di aneto e 10 kg semi finocchio- CIG: ZAB2C6FE3A
freccina CREA-DC:Affidamento tramite Trattativa Diretta su MePA per rifornimento azoto liquido mantenimento popolazioni crioconservate, ai sensi art. 36 c. 2 lett.a) D.lgs 50/2016 e s.m.i.- CIG: ZF12C87ECF
freccina CREA-DC:Avviso di appalto aggiudicato, art. 98 D.Lgs 50/2016 e s.m.i., fornitura materiale per biosaggi in campo e in laboratorio- CIG: Z812C270E5
freccina CREA-DC: Indizione RdO su MePA per affidamento servizio Terzo Responsabile impianti termici e manutenzione ordinaria programmata impianti riscaldamento e climatizzazione, della durata di 24 mesi, sede DC Firenze,ai sensi art. 36 c.2 lett.a) D.Lgs 5072016
freccina CREA-DC: Affidamento tramite Trattativa Diretta su MePA della fornitura di n. 500 confezioni da 10 mascherine protettive FFP2 con filtro per sedi DC, ai sensi art. 36 c.2 lett.a) D.lgs 50/2016 e s.m.i.- CIG: Z0D2C7A18A
freccina CREA-DC: Affidamento tramite Trattativa diretta su MePA per riparazione cella Falc ICT-AR 120 lt e Incubatore Nuve, ai sensi art. 36 c.2 lett.a) D.lgs 50/2016 e s.m.i.- CIG: ZB72C6FE85
Mostra tutti

immagine news
freccina CREA-DC: presa d'atto delle nomine dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Centro di ricerca Difesa e Certificazione, ai sensi D.Lgs 81/2008
freccina CRA-ABP: Valutazione finale del Progetto AgINFRA
freccina Decreto MIPAF 6 Luglio 2005: Criteri e tecniche generali per la disciplina regionale dell'utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e degli scarichi dei frantoi oleari, di cui all'art. 38 del decreto legislativo 11 Maggio 1999, n.152
Mostra tutti

AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP