ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI ELENCO FORNITORI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Ufficio stampa->Scheda di dettaglio POSTA
CONOSCI IL CREA
GLI ORGANI
L'AMMINISTRAZIONE CENTRALE
AREA STAMPA
onda
Dettaglio avviso: CRA-CIN: Medicinali a base di Cannabis

Supposte e cerotti alla Cannabis

Le piante coltivate per la ricerca vengono bruciate. La legge italiana ne vieta l’uso per qualsiasi scopo. Mentre i ricercatori del Drug Policy Commission in Inghilterra, con un appello al governo, affermano che le calorie accumulate con il ‘cibo spazzatura’ non si bruciano facilmente e fanno più male di una ‘canna’.

In Italia, la ricerca avanza come ci racconta Gianpaolo Grassi, primo ricercatore al Cra-Cin, della sede distaccata di Rovigo, unico responsabile di uno studio che ha ottenuto l’Ok del ministero della Salute.

Come nasce la vostra ricerca sulla Cannabis e come siete giunti ai suoi effetti benefici per uso medico?
“Abbiamo ripreso a studiare la canapa dal 1995, a seguito di un primo triennio di ricerche finanziate dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali”, racconta Gianpaolo Grassi primo ricercatore del Cra-Cin. “Il progetto è stato poi rinnovato per altri tre anni e lo scopo era quello di recuperare le varietà italiane di canapa e renderle compatibili con le regole indicate nei regolamenti europei che all'epoca garantivano un contributo per l'agricoltore pari a 1.300.000 lire per ettaro. Per ottenere i contributi era necessario selezionare le varietà in modo che non producessero un livello della sostanza psicotropa vietata, tetraidrocannabinolo (THC) superiore allo 0,3%. Limite che poi è stato ulteriormente abbassato allo 0,2%. Nel corso degli anni successivi, terminato il progetto ministeriale, ho avuto modo di collaborare con aziende private, progetti europei, progetti regionali e fortunatamente sono arrivato sino a oggi potendomi garantire quasi l'autosufficienza di fondi lavorando pressoché esclusivamente sulla canapa”.

Nascono 150 piante ogni tre mesi, circa quattro chili di foglie e fiori. Queste piante devono essere allevate in ambienti sorvegliati e in condizioni controllate perciò si lavora quasi esclusivamente in serre o stanze attrezzate. Il loro numero può variare in funzione dei programmi, ma di solito non superano il migliaio.

Come siete arrivati a studiare la Cannabis per uso medico?
“Nei primi anni ci siamo concentrati prevalentemente sugli usi industriali rivolti al settore tessile. Viste le difficoltà a far ripartire una filiera complessa come quella della canapa tessile, io in particolare ho rivolto la mia attenzione alla selezione di nuove varietà di canapa che avessero usi diversi, come quello alimentare, edilizio e in genere per la produzione di fibra tecnica. Sino al 2000 tutte le varietà italiane erano dioiche, cioè piante solamente femminili, e metà interamente maschili. L'innovazione introdotta è stata quella della selezione di varietà monoiche adatte ai nostri ambienti di coltivazione e più versatili nella loro produzione. Una pianta monoica produce sia fiori maschili sia femminili e ciò determina nella popolazione una maggiore uniformità di maturazione e una più elevata produzione di seme. Queste varietà vanno utilizzate in pieno campo e perciò inizialmente abbiamo operato nella nostra azienda agraria e ciò è ammesso proprio dai regolamenti europei che consentono in tutti i Paesi europei la coltivazione delle varietà autorizzate che hanno un basso livello di THC.

Ma poi la ricerca si è evoluta. E ora lei studia gli effetti terapeutici.
“Da circa una decina di anni ho incominciato ad avventurarmi anche nel lavoro di selezione di piante che avevano la caratteristica di produrre singoli cannabinoidi. L'interesse iniziale era legato a poter affrontare con cognizione di causa la selezione di normali varietà per uso agricolo, ma poi ho incominciato a capire che sorgeva sempre più evidente l'esigenza di avere varietà che producessero principi attivi cannabinoidi a elevate concentrazioni per l'uso medico. Mi aiutò la partecipazione a un progetto europeo che esigeva di poter studiare combinazioni di diversi cannabinoidi per la cura di emicrania e artrite reumatoide e solo noi in Italia, anche grazie alla collaborazione con l'Università del Piemonte Orientale e in particolare con il Prof. Appendino, eravamo riusciti a superare gli olandesi che si erano da sempre focalizzati unicamente sulle varietà a elevato THC.

‘Canapa’ fa venire in mente cappelli, sacche o tovaglie, oppure anche le corde usate nella vela. “Utilizzando solo un nome non è possibile distinguere adeguatamente gli innumerevoli tipi di questa pianta. Ciò che la caratterizza principalmente è la composizione chimica che se presenta elevati livelli di THC allora può essere individuata con il termine messicano Marijuana. Io preferirei si usasse più diffusamente il termine Cannabis quando si vuol distinguere i tipi destinati all'impiego medico e canapa industriale per l'impiego in campo agricolo. Il termine Marijuana lo lascerei ai ragazzotti che ne vanno matti per un uso ‘alternativo’.

Qual è la variante della pianta per uso medico?
“Quando lo scopo per cui la pianta è coltivata è quello di aumentare le sue proprietà terapeutiche, è necessario far accumulare nella pianta il livello più elevato possibile dei suoi metaboliti secondari che sono quelli che hanno l'attività farmacologica. Per far questo, se impediamo alla pianta di destinare le sue energie alla produzione dei semi, abbiamo un maggior accumulo di metaboliti e perciò anche di cannabinoidi. Questi hanno proprietà sia psicotrope sia antinfiammatorie, cicatrizzanti, stabilizzanti il sistema immunitario e soprattutto regolatrici del nostro sistema endocannabinoide.

La parte della pianta in cui i metaboliti si concentrano è il fiore, ma sono anche presenti nelle foglie a concentrazioni più basse. Di solito si seleziona e si usa il fiore perché si ricerca e si consuma la parte più ricca di principi attivi, ma se si intende ottenere degli estratti, tutte le parti aeree tranne i semi e i fusti, possono essere utilizzati”.

Se la Cannabis è efficace come medicinale perché allora non viene autorizzato l'uso negli ospedali o a medici che vogliono darla ai propri pazienti? Qual è il problema? Qual è lo scalino da superare?
“In primo luogo è molto scarsa la conoscenza da parte dei medici delle proprietà e modalità di impiego dei derivati della Cannabis. Posso azzardare anche dei numeri e ritengo che più del 90% dei medici non conosce a quali dosi utilizzare i cannabinoidi e per quali patologie potrebbero essere utilmente impiegati. Ricevo spesso le richieste di studenti di poter svolgere la tesi presso il nostro centro che non ha istituzionalmente il compito di insegnare, ma che è uno dei pochi che può soddisfare l'interesse degli studenti. Credo che siano le difficoltà imposte dalla legge sugli stupefacenti (309/90) e dall'operare in ambito universitario con questa pianta e con i prodotti psicotropi che inneschi questo meccanismo perverso e difficile da cambiare. Se i medici non sanno come utilizzare i cannabinoidi, i pazienti non saranno curati. Inoltre, solo negli ultimi 10 anni le ricerche e i test clinici sono stati eseguiti prevalentemente con prodotti standardizzati e tali da fornire risultati affidabili”.

Come dovrebbe assumere la Cannabis un paziente? Fumandola?
“Nessun medico con coscienza e competenza suggerirebbe l'assunzione attraverso il fumo della sigaretta di Cannabis. I principi attivi possono essere inalati attraverso un apparecchio chiamato vaporizzatore che mediante il solo riscaldamento di una dose di fiore essiccato, evitando la combustione, permette di vaporizzare i principi attivi. Al paziente si evita di inalare i prodotti derivati dalla combustione del materiale vegetale che non sono tanto diversi da quelli derivati dalla combustione del tabacco. Altro modo di assumere i derivati della Cannabis è quello dell'ingestione di capsule, alimenti additivati di cannabinoidi, l'uso di supposte, l'applicazione di cerotti o come avviene per il primo farmaco ottenuto con estratti naturali della pianta, attraverso l'assorbimento di un estratto alcolico spruzzato nella mucosa della bocca”.

Ci sono case farmaceutiche che vi hanno chiesto di poter produrre medicinali a base di Cannabis?
“Si, una delle due autorizzate dal ministero della Salute a produrre farmaci psicotropi da piante”.

Che costo avrebbe un farmaco a base di Cannabis? E che costi ha la vostra ricerca?
“Come ogni nuovo farmaco che viene registrato e distribuito seguendo le pratiche previste dalle norme europee arriva a costare milioni di euro. Ovviamente le case farmaceutiche per continuare a operare devono recuperare questi ingenti costi, perciò come qualsiasi altro farmaco, il costo di produzione dei principi attivi è insignificante e talvolta costa meno della confezione. Così anche nel caso della Cannabis e dei cannabinoidi la produzione dei principi attivi potrebbe costare molto poco e se prendiamo come esempio quello più pragmatico seguito dall'Olanda, il costo di 1 grammo che contiene il 19% di THC è di circa 10 euro al grammo. La dose efficace per il controllo di un sintomo doloroso potrebbe essere di circa 10 mg perciò circa 0,5 euro a dose, contro 10-20 euro/dose del farmaco registrato.

Noi potremmo produrre 1 grammo di materia vegetale uso farmaceutico a circa 4-5 euro e alle nostre condizioni attuali saremmo in grado di produrne 4-5 kg ogni quattro mesi.

Secondo lei, perché la morfina sì e la Cannabis no?
“Esclusivamente perché i medici conoscono l'efficacia della morfina e non quella dei cannabinoidi. Anche le leggi hanno il loro peso e in questo caso si è scelto di demonizzare molto di più la seconda paventando molto di più il rischio di abusi. Io non credo che i morfinomani siano aumentati perché negli ultimi tempi negli ospedali è più semplice prescrivere gli oppiacei”.

Qual è il suo obiettivo? La sua speranza come scienziato?
“Vorrei che si concentrassero gli sforzi al fine di fornire alla classe medica il maggior numero di strumenti e di informazioni utili per fare meglio e più liberamente il loro lavoro, senza fargli rischiare la galera e senza costringerli a dire ai pazienti che non sanno come trovare una soluzione per il loro problema o dolore”.

Fonte: RAI

 

Curarsi con la Cannabis

Una supposta alla Cannabis. Presto in arrivo anche in Italia. Ora, per l’opinione pubblica in generale è considerata una droga, ma può essere un medicinale anche in forma di capsula contro il dolore e usata come terapia anticancro o anche per l’emicrania e l’artrite. È il derivato della Cannabis sativa, nome scientifico per la canapa, che in gergo viene comunemente chiamata marijuana, mentre l’hashish è un derivato della pianta come lo è anche la ganja, l’olio o altro.

Nasce in Asia ed era sacra per gli Hindu. Adesso è diffusa in quasi tutti i Paesi del Mondo, tra cui Argentina e Uruguay dove è legale per uso privato, in Belgio è illegale, ma il governo ha approvato un programma di ricerca per scopi medici, in Camerun chi ha l’Aids o il cancro può farne uso come antidolorifico, in Canada è illegale anche se depenalizzato, ma legale per uso terapeutico come anche in Israele, ma solo per ogni singolo caso, in Portogallo è legale il possesso, legale anche nella Repubblica Ceca e i Paesi Bassi, in Spagna in luoghi autorizzati, in Germania fino a 10 grammi, nel Lussemburgo si può usare per scopi medici purché il consumatore sia adulto, è legale in 19 degli Stati americani, tra cui la California e incluso il distretto della Columbia dove c’è la capitale Washington D.C.) per uso medico. In Colorado e lo Stato di Washington è autorizzata per “scopo ricreativo”.

Più di 500 economisti mondiali hanno denunciato i costi elevatissimi del proibizionismo sulla Cannabis. Il premio Nobel Milton Friedman diceva: “È un sussidio del governo al crimine organizzato”. L’affare si aggira oltre i 7 miliardi di dollari l’anno.

Cannabis è sinonimo automatico di “droga”. Ma, invece, può essere utilizzata a scopo medico. Nel 2013 è prevista la coltivazione in Italia a uso terapeutico fino a un massimo di 20 chili. E ci sono già delle case farmaceutiche pronte a metterle sul mercato. Toscana, Liguria e Veneto sono le regioni disposte a fornirla attraverso il servizio sanitario regionale.

A Rovigo si trova l’unico centro pubblico in cui si fa ricerca autorizzata dal ministero della Salute. In 300 metri quadri vengono coltivate piante fino a un metro di altezza, per ora al chiuso in stanze apposite, ma dal prossimo anno potrebbero diventare 2000 metri quadri all’esterno e le piante possono raggiungere anche i due o tre metri, come alberi. Il responsabile del progetto è il primo ricercatore Gianpaolo Grassi del Cra-Cin, Centro di ricerca per le colture industriali di Bologna, della sede distaccata di Rovigo.

In Europa, e nel mondo, quali sono i Paesi che vendono medicinali a base di Cannabis?
“In Inghilterra opera l'azienda che ha investito tutto il suo impegno per sviluppare farmaci a base di cannabinoidi. In nove anni hanno sviluppato il primo destinato ai malati di sclerosi multipla. È un farmaco che allevia i sintomi della malattia, ma purtroppo non la cura in modo diretto. Il costo di questa realizzazione è stato stimato attorno ai 100 milioni di sterline e il singolo flacone costerà circa 500 euro, che basta per una cura di durata di circa 20 giorni.

In Olanda è stata avviata dallo stesso ministero dello Sport e della Sanità, in collaborazione con due aziende private, la produzione e distribuzione di farmaci galenici a base di Cannabis. In questo caso si tratta di fiori essiccati il cui costo non supera i 10 euro al grammo. Quando arriva da noi il prezzo lievita e supera i 30 euro al grammo.

In Germania operano un paio di case farmaceutiche che sintetizzano, partendo dalla base vegetale i principi attivi cannabinoidi e li distribuiscono ai laboratori farmaceutici degli ospedali e direttamente alle farmacie. Il costo è intermedio tra i due sopra indicati.

Un contatto di collaborazione molto utile l'abbiamo con l'unico centro autorizzato negli Stati Uniti a produrre Cannabis, l'Università del Mississippi. Anche se hanno progetti ben finanziati e competenze al massimo livello, le loro norme federali gli impediscono di operare come vorrebbero e sono più limitati di noi”.

Quali proprietà benefiche ha la Cannabis?
“Noi operiamo esclusivamente sulla pianta intera e non abbiamo modo di addentrarci nello studio dell'attività biologica dei suoi costituenti. Per questo abbiamo collaborato con altri centri come la Facoltà di Farmacia di Bologna, Ferrara, Novara (Prof. G. Appendino), medici di Roma e centri specializzati nei test biologici della Spagna, Germania e Inghilterra”.

Se l'uso della Cannabis diventasse legale in Italia per scopi terapeutici non sarebbe più catalogata come “droga”. Ma numerosi sono i medicinali che danno assuefazione, come alcuni antidepressivi o ansiolitici che sono prescrivibili e legali.

Come ricercatore, a che livello di “tossicità” metterebbe la Cannabis usata per terapia medica?
“I cannabinoidi sono da anni (18 Luglio 2006, Gazzetta Ufficiale n. 183 del 8-8-2006) legalmente autorizzati per uso medico e infatti sono nelle tabelle ( tab. IIB) del testo unico degli stupefacenti (309/90) perciò sono anni che si possono utilizzare, ma se ai medici non si spiega cosa sono, cosa fanno, come si impiegano e soprattutto dove si trovano, non saranno mai largamente utilizzati.

I medici che li possono utilizzare, per esempio quelli della California, hanno migliaia di pazienti e ne conosco personalmente uno che basa le sue cure quasi esclusivamente sul cannabinoide non psicotropo Cannabidiolo (CBD) perciò quando i medici diventeranno consapevoli e liberi di utilizzare i diversi cannabinoidi, le cose cambieranno e soprattutto cambieranno per migliaia di pazienti.

Io non sono un tossicologo, ma dalla letteratura ufficiale ho appreso che solo il THC ha un peso per quanto riguarda la sua tossicità comunque mai mortale e inferiore all'alcool e tabacco. Gli altri cannabinoidi non sono neppure considerati, ma purtroppo anche dalla maggior parte dei medici, come farmaci”.

Fonte: RAI

 


AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP