ENGLISH ACCESSIBILITA' ALTA
Torna alla Home Page Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria Cerca nel sito...  

Carta europea dei ricercatori      HR EXCELLENCE IN RESEARCH
CREA - Via Po, 14 - 00198 ROMA
P.IVA: 08183101008 - C.F.: 97231970589
Tel: +39 06 478361 - Fax: +39 06 47836320 -
Posta Elettronica Certificata:

ACCESSO CIVICO RASSEGNA STAMPA URP LAVORO/FORMAZIONE GARE/APPALTI AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

freccina Sei qui: Home->Ufficio stampa->Scheda di dettaglio POSTA
CONOSCI IL CREA
GLI ORGANI
L'AMMINISTRAZIONE CENTRALE
AREA STAMPA
onda
Dettaglio avviso: CREA-OF: Parte il progetto LIFE SUBSED sulla produzione di compost per florovivaismo ottenuto da fanghi dragati dal porto di Livorno

Venerdì 5 ottobre 2018, presso la sede di FloraToscana a Pescia, si è svolto il kick-off meeting del Progetto Europeo “LIFE SUBSED - Sustainable substrates for agriculture from dredged remediated marine sediments: from ports to pots”.

Il progetto, approvato ed ammesso a finanziamento dalla Comunità Europea (Project number LIFE17 ENV/IT/000347), è stato proposto da un gruppo di partner comprendente il CREA - Centro di Ricerca Orticoltura e Florovivaismo di Pescia. La ricercatrice Stefania Nin è la coordinatrice e responsabile scientifica delle attività condotte dal Centro di Pescia; Gianluca Burchi, Responsabile di Sede della stessa struttura, è il referente per la sede, mentre Andrea Sanzò, Responsabile amministrativo del Centro, è il referente amministrativo.

Gli altri partner del progetto LIFE SUBSED sono la Flora Toscana S.A.C. (Azienda proponente e coordinatrice), l'Azienda Viveros Caliplant S.L. (Spagna), la CarbonsinkGroup S.R.L. di La Spezia, il CNR Istituto per lo Studio degli Ecoistemi di Pisa e l'Università “Miguel Hernandez di Elche” (Spagna).

Il Progetto, con un budget totale di 1.745.524 €, finanziato dalla UE per il 60%, riguarda una tematica di grande attualità e dalle notevoli potenzialità applicative sia per la salvaguardia dell'ambiente, sia per la produzione ortoflorovivaistica. Si tratta infatti di uno studio sulle possibilità di poter utilizzare i fanghi dragati dal porto di Livorno per produrre, dopo opportuni trattamenti, un compost utilizzabile nel florovivaismo per la produzione di piante ornamentali, da frutto, orticole e aromatiche in vaso: ulivo, agrumi, lauro, protee, calla, basilico, mirtillo e fragola selvatica. La possibilità di poter trasformare un prodotto di scarto, molto inquinante e con elevati costi di smaltimento, in un prodotto di qualità utilizzabile in uno dei settori trainanti dell'agricoltura Toscana (l'orto-floro-vivaismo) rappresenta un obiettivo estremamente affascinante e con notevoli risvolti di ecosostenibilità.

Il Progetto è stato avviato ufficialmente il 1° ottobre 2018 e si concluderà il 30 settembre 2021.

 


AREA RISERVATA  Webmaster:
Logo mySQL Logo PHP